Tendenza: 1 scooter nuovo su 5 è elettrico

Pubblicato il : 09 Marzo 20213 tempo di lettura minimo
Nel 2020, le vendite di nuovi ciclomotori e scooter hanno raggiunto il livello più alto dal 2010. Un totale di 84.711 unità sono state registrate, un aumento del 45% rispetto all’anno precedente. Un quinto di questi erano elettrici, secondo i dati della RAI, BOVAG e RDC.

Biciclette, motociclette e scooter come alternative

Il bisogno di mezzi di trasporto individuali è aumentato considerevolmente nel 2020 a causa della crisi coronarica. A causa delle restrizioni sui trasporti pubblici, biciclette, motociclette e scooter sono stati scelti molto più frequentemente come alternative. Di tutti i nuovi scooter dello scorso anno, quasi tre quarti erano varianti di ciclomotori con una velocità massima di 25 km/h, rispetto a meno di due terzi nel 2019. Un totale di 62.348 nuovi ciclomotori sono stati consegnati, di cui quasi il 22% erano elettrici. Un anno prima, la quota di varianti elettriche nelle vendite di ciclomotori era ancora del 15%. Il settore degli scooter è quindi sulla buona strada per attuare l’accordo sul clima, che prevede che dal 2025 tutti i nuovi ciclomotori saranno elettrici. L’alto tasso di elettrificazione è in parte dovuto alla crescente popolarità dei servizi condivisi, che utilizzano quasi esclusivamente ciclomotori elettrici.

Ciclomotori

Il numero di registrazioni di nuovi ciclomotori (velocità massima di 45 km/h) è passato da 19.927 nel 2019 a 22.423 l’anno scorso, con un aumento del 12,5%. Come per le vendite di ciclomotori, la quota di varianti elettriche tra i nuovi ciclomotori è aumentata dal 14% nel 2019 a più del 18% nel 2020.

Le marche di ciclomotori più popolari nel 2020 sono state :

Piaggio (12.208 unità)

Sym (8.047 unità)

Il Topo (6.251 unità).

Le marche di ciclomotori più registrate nel 2020 sono state :

Sym (4.780 unità)

Piaggio (3.762 unità)

Kymco (1.975 unità)

Casco obbligatorio per i ciclomotori

BOVAG e RAI Vereniging sottolineano che la rapida elettrificazione della flotta di ciclomotori avvicinerà gli obiettivi climatici concordati. Tuttavia, un possibile obbligo per i ciclomotoristi di indossare il casco ostacolerà questi sviluppi. La velocità massima ridotta, combinata con un posto sicuro sulla pista ciclabile e l’assenza di caschi obbligatori, si è rivelata un fattore decisivo per centinaia di migliaia di proprietari di scooter. Inoltre, per i fornitori di scooter condivisi, l’uso obbligatorio del casco è poco pratico e decisamente poco igienico. In un recente rapporto pubblicato da Arcadis, il 55% dei ciclomotoristi ha indicato che cambierebbe il suo modo di trasporto se venisse introdotto il casco obbligatorio. Quattro persone su dieci sceglierebbero quindi l’auto, il che non è auspicabile perché metterebbe più pressione sull’accessibilità e la qualità della vita, soprattutto nelle città. Tutte le forme di veicoli a due ruote sono disperatamente necessarie per questo, e secondo l’associazione RAI e BOVAG, scoraggiare l’uso di biciclette a motore non ha posto in questo contesto, e certamente non se interferisce con una rapida elettrificazione.

Consigli per vendere una moto usata
Vendere la tua moto – 5 consigli per una vendita di moto di successo!

Plan du site